Home |  La Rivista |  Osservatorio |  Numeri precedenti |  Pubblicazioni |  Eventi |  Newsletter |  Pubblicità

c1
  Federalismi - Attualità e prospettive della 'specialità' regionale alla luce del 'regionalismo differenziato' come principio di sistema
Direttore Prof. Beniamino Caravita di Toritto
 
c2

      segui federalismi.it su Twitter  Fb
  
stato » dottrina   Sommario del 03/12/2008 - Nr.23 - Anno 2008  

Attualità e prospettive della 'specialità' regionale alla luce del 'regionalismo differenziato' come principio di sistema

Marcello Cecchetti (02-12-2008)

La questione dell’autonomia delle cinque Regioni speciali e delle due Province autonome di Trento e di Bolzano, del suo significato, del suo valore, dei suoi limiti e delle sue potenzialità non è affatto un problema nuovo o scarsamente dibattuto. Da qualche decennio, ormai, in una vastissima letteratura, in larga parte assai nota, la dottrina giuspubblicistica si interroga circa la perdurante attualità delle ragioni che portarono i costituenti ad approvare l’art. 116 della Carta costituzionale, l’emersione di eventuali nuove finalità od obiettivi della specialità, il senso delle sempre più esigue (talora persino stravolte, rispetto al disegno originario) «forme e condizioni particolari di autonomia», i possibili rimedi al perverso fenomeno della “specialità a rovescio” e alla continua “rincorsa” delle autonomie speciali nei confronti delle Regioni c.d. “di diritto comune”.
Tuttavia, di fronte alle radicali novità della riforma costituzionale del Titolo V e, soprattutto, nella fase attuale caratterizzata dal tentativo di provvedere finalmente alla concreta attuazione delle norme contenute nell’art. 119 Cost. attraverso il c.d. “federalismo fiscale”, il problema delle Regioni speciali sembra fuoriuscire (finalmente!) dall’angusta prospettiva di una riflessione concernente la particolare condizione autonomistica di specifiche aree periferiche del Paese, per assurgere a vera e propria questione ordinamentale in grado di produrre effetti sull’intero sistema delle autonomie territoriali, con implicazioni evidenti sulla ricostruzione del modello complessivo della forma di stato.
Il modello di regionalismo sperimentato fino ad oggi, come è noto, è sempre risultato fondato sulla dicotomia netta fra “regionalismo dell’uniformità” da una parte e “regionalismo della specialità” dall’altra. L’ipotesi che si intende prospettare nei paragrafi che seguono − seppure ancora ad uno stadio embrionale di riflessione limitato a prefigurare le linee di sviluppo di un più approfondito lavoro di ricerca − è quella secondo la quale questo modello è ormai irreversibilmente destinato ad essere superato da un nuovo modello definibile come “regionalismo della differenziazione” e fondato non più su una dicotomia (che richiama logiche di tipo contrappositivo) quanto su un nuovo binomio necessario e inscindibile: il “diritto comune” e i “diritti differenziati”. Si tratta, come è evidente, di una prospettiva di medio-lungo periodo, da sottoporre ad attenta e meditata verifica e senza dubbio ancora lontana da adeguata percezione e da condivisione diffusa, prima di tutto su un piano “culturale”.

(segue)



Attualità e prospettive della 'specialità' regionale alla luce del 'regionalismo differenziato' come principio di sistema - stato - dottrina - Preleva il Documento integrale


  Condividi questo documento


Il presente documento non è riproducibile su altri siti senza la previa autorizzazione scritta della Direzione della Rivista, in assenza della quale sono esclusivamente consentiti i link.


Documenti correlati
» Le province nel Disegno di legge A.C. 1542-B
Daniele Trabucco (01-04-2014)
» L’influenza della criminalità organizzata sul libero esercizio dell’azione amministrativa degli enti locali
Andrea Crismani (01-04-2014)
» 'Abrogatio' non petita, accusatio manifesta: la Corte Costituzionale interviene sulle vicende del d.lgs. n. 43 del 1948
Fabio Pacini (01-04-2014)
» Bognetti filosofo del diritto (e dei diritti)
Tommaso E. Frosini (01-04-2014)
» Il ritardo nei pagamenti della p.a. tra urgenza delle riforme e risposte del legislatore nei confronti dell’Unione europea
Francesco Soluri (01-04-2014)
» Il principio di realtà e la scienza giuridica tedesca fra XX e XXI secolo
Romano Ferrari Zumbini (01-04-2014)
» Ancora in materia di misure anti-crisi: il distinguishing della Corte
Tania Abbiate (01-04-2014)
» Se punire, se abrogare: la riserva di legge penale 'rafforzata'
Daniela Falcinelli (26-03-2014)


gli articoli più letti negli ultimi sommari
sommario

n. 5/2014
 
» Governo Renzi direzione Italicum?
Ida Nicotra (25-02-2014)
» Le riforme istituzionali: 30 anni di sterili tentativi parlamentari e di modifiche della legislazione elettorale.Dall’articolo di Craxi su l’Avanti del 1979 al discorso programmatico di Renzi del 2014
Vincenzo Lippolis (25-02-2014)
sommario

n. 4/2014
 
» Valori comuni e garanzie costituzionali in Europa (Call for papers)
Redazione (18-02-2014)
» La via italiana alla trasparenza pubblica: il diritto di informazione indifferenziato e il ruolo proattivo delle pubbliche amministrazioni
Paolo Canaparo (18-02-2014)
» Per un nuovo bicameralismo, tra esigenze di sistema e problemi relativi al procedimento legislativo
Simone Pajno (11-02-2014)
sommario

n. 3/2014
 
» Illegittimità costituzionale della relazione di fine legislatura regionale e del c.d. “fallimento politico” del Presidente della Giunta.
Matteo De Nes (04-02-2014)
» Inquinamento elettromagnetico vs. diritto alla salute: il rimedio nell’approccio precauzionale
Tiziana Fortuna (04-02-2014)
» Sui più evidenti profili di possibile illegittimità costituzionale del d.d.l. AS n. 1212 (Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni)
Marcello Cecchetti (28-01-2014)
sommario

n. 7/2014
 
» Le province nel Disegno di legge A.C. 1542-B
Daniele Trabucco (01-04-2014)
» 'Abrogatio' non petita, accusatio manifesta: la Corte Costituzionale interviene sulle vicende del d.lgs. n. 43 del 1948
Fabio Pacini (01-04-2014)
» La crisi dell’Eurozona e la (dis)unione bancaria
Diego Rossano (24-03-2014)
sommario

n. 6/2014
 
» La Corte costituzionale e l'attività della Corte dei conti (una breve nota sulle sentenze nn. 39 e 40 del 2014)
Beniamino Caravita ed Ettore Jorio (19-03-2014)
» I servizi pubblici economici tra mercato e regolazione
Giovanni Pitruzzella (19-03-2014)
» La qualità del sistema normativo fra pluralità delle politiche, elusione di snodi teorici e ricerca di un factotum
Paolo Carnevale (10-03-2014)
sommario

n. 5/2014
 
» Prime pronunce in tema di abilitazione scientifica nazionale
Tar Lazio (28-02-2014)
   

archivio Normativa



la rivista | numeri precedenti | pubblicazioni | eventi | links | pubblicità | contatti | RSS::Really Simple Syndication feed RSS aggiungi ai preferiti | segui federalismi.it su Twitter  Fb

federalismi.it - Rivista Telematica
Registrazione al Tribunale di Roma numero 202/2003 del 18.04.2003
ISSN 1826-3534



La rivista non si impegna a pubblicare interventi non richiesti. I contributi inviati saranno valutati in forma anonima secondo le regole di referaggio della Rivista, dandone riscontro agli autori. Non si pubblicano contributi già apparsi in altre riviste telematiche o ad esse destinati. I contributi devono essere comunque inviati all'indirizzo redazione@federalismi.it


Valutazione scientifica dei contributi pubblicati in federalismi.it
Tutto il materiale pubblicato è copyright © federalismi.it.
E' vietata la riproduzione anche parziale.

Tutti gli articoli firmati sono protetti dalla legge 633/1941 sul diritto d'autore. federalismi.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Le foto presenti su federalismi.it sono state in larga parte tratte da Internet e, quindi, valutate di pubblico dominio.

Associazione sui processi di governo e sul federalismo
Via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Partita IVA 06196041005


Società editoriale federalismi s.r.l.
Via di Porta Pinciana, 6 00187 Roma
Partita IVA 09565351005
amministrazione@federalismi.it
Direttore responsabile: Prof. Beniamino Caravita di Toritto

Comitato di direzione
Prof. Luisa Cassetti; Prof. Marcello Cecchetti;Dott. Renzo Dickmann;
Dott. Antonio Ferrara; Prof. Tommaso Edoardo Frosini;
Prof. Giulio M. Salerno; Prof. Maria Alessandra Sandulli;
Prof. Sandro Staiano.

Redazione
dott. Federica Fabrizzi (Redattore Capo);
dott. Andrea Danesi; dott. Daniele Porena;
dott. Maria Grazia Rodomonte; dott. Alessandro Sterpa;
dott. Andrea Vannucci; dott. Alfonso Vuolo.

Segreteria di redazione
dott. Giuseppe M. Di Niro; dott. Simon Pietro Isaza
dott. Umberto Ronga, dott. Federico Savastano
dott. Michela Troisi
dott. Andrea Luciani
E-mail: redazione@federalismi.it

Comitato scientifico || Comitato di referee

Powered by
http://www.contechnet.it
Execution time: 98 ms - Ip Address: 54.227.62.141