Log in or Create account

Numero 8 - 22 aprile 2015 NORMATIVA [45]    GIURISPRUDENZA [21]    DOCUMENTAZIONE [18]

La riforma elettorale necessaria nelle calde giornate di Maggio. Guarire da memoria corta, sguardo provinciale e ottimismi infondati

La tappa finale della riforma elettorale alla Camera (finale in ogni caso giacché in caso d bocciatura la legislatura sarebbe politicamente conclusa) sembra essere vissuta da molti, specie da alcuni critici parlamentari e non, come se si trattasse di un episodio a sé, scisso dalle vicende drammatiche in cui era iniziata la legislatura ed ora frettolosamente rimosse. Quindi, in fondo come un episodio di normale guerriglia politico-parlamentare con cui riscaldare le giornate di Maggio. Non so se radiose, a differenza di cento anni fa, ma sicuramente calde dal punto di vista politico-istituzionale. Forse perché si è assistito qualche mese fa all’elezione del nuovo Capo dello Stato con consenso abbastanza ampio e con una certa celerità, ci si è facilmente dimenticati della situazione strutturale con cui era iniziata la legislatura... (segue)

Partiti politici e gruppi parlamentari ai tempi delle riforme

L’immagine dell’Italia Paese “in transizione” è ormai talmente usata da sembrare quasi abusata; e tuttavia mai come oggi alcuni dati indicano in modo inequivoco che la attuale fase storica è chiaramente connotata nel senso della trasformazione e dei mutamenti istituzionali... (segue)

La sentenza della Corte costituzionale n. 50 del 2015. Considerazioni in merito all'istituzione delle città metropolitane

Con la sentenza n. 50 del 2015 la Corte costituzionale ha rigettato i ricorsi presentati dalle Regioni Lombardia, Veneto, Campania e Puglia avverso ben 58 commi dell’unico articolo della legge Delrio n. 56 del 2014 per contrasto con numerosi parametri costituzionali... (segue)

Un 'giudizio in movimento': la Corte costituzionale tra attuazione dell'oggetto e variazione del parametro del giudizio. Note a margine della sent. n. 50 del 2015

Ad una prima lettura della pronuncia n. 50 del 2015 della Corte costituzionale salta subito agli occhi la netta sproporzione (quantitativa) tra la parte dedicata al “ritenuto in fatto” (appena pochissime righe) e il “considerato in diritto” (di molte pagine)... (segue)

La partecipazione delle Regioni alla formazione delle norme e alle procedure dell’ordinamento giuridico dell’Unione europea

Negli ultimi anni, come è ben noto, il coinvolgimento degli enti sub-statali nei processi decisionali europei è stato oggetto di una significativa valorizzazione. Si tratta, a ben vedere, di un risultato legato alla maggiore attenzione manifestata nei confronti di tale tematica... (segue)

La prevalenza del voto del presidente in un collegio con due soli componenti in carica: un difficile contemperamento con i principi della collegialità

La vicenda in questione concerne l’irrogazione nei confronti di un dirigente della Commissione nazionale per le società e la borsa di una sanzione pecuniaria da parte del collegio interno di disciplina. Il procedimento sanzionatorio era stato attivato a seguito di deferimento... (segue)

Execution time: 111 ms - Your address is 54.145.246.183