Log in or Create account

NUMERO 14 - 09/07/2008

 Prime osservazioni sul'esercizio del potere legislativo da parte dei Commissari ad acta

Un tema che sta occupando, oramai frequentemente, l’interesse della dottrina è quello che afferisce l’esercizio dei poteri sostitutivi, soprattutto in riferimento ai suoi limiti applicativi. Invero, esso ha riguardato, in particolare, l’adozione dei provvedimenti a contenuto amministrativo ovvero organizzativo-gestionale. Diversamente è accaduto per quanto inerisce l’assunzione di provvedimenti di carattere legislativo, nei confronti della quale opzione non è stata esplicitata, fino ad oggi, una decisa condivisione dottrinale. Da parte di taluni autori si è, tutt’al più, affrontato l’argomento in modo possibilista, ancorché critico, atteso che l’introdotto principio costituzionale (art. 120, comma 2, Cost.), così come attuato dall’art. 8, comma 1, della legge n. 131/03, è sembrato ad alcuni di essi l’occasione per insediare surrettiziamente nell’ordinamento un meccanismo simile alla Konkurrierende Gesetzgebung, tipica del sistema ordinamentale tedesco.  


(segue)
 



Execution time: 39 ms - Your address is 54.224.187.45