Log in or Create account

NUMERO 2 - 28/01/2009

 In ricordo di Sergio Fois

Venerdì 23 gennaio 2009, dopo lunghi anni di salute precaria, Sergio Fois ci ha lasciato.
Sul profondissimo acume scientifico e sull’intensa produzione accademica di Sergio non è neppure il caso di soffermarsi, il primo essendo universalmente riconosciuto e della seconda parlando direttamente le opere: per entrambi – si può esserne certi – basterà la Storia a dar conto di tutto.
Questo ricordo va piuttosto alla persona e a quelle idee regolative che ne hanno costituito l’inalterabile faro tanto per la sua attività di studioso, quanto nel complicato mestiere di vivere, che mai come in questo caso hanno rappresentato un’irrinunciabile sincera endiadi. È difficile descrivere come in un solo uomo riuscissero a convivere lealtà e asprezza, coraggio e collericità, intransigenza e senso della pietas, franchezza e cocciutaggine, concorrendo a definire un carattere a dir poco complesso, che viveva con costante irrequietezza un proprio personale Mal sottile.
Un “composto” duro e spesso fieramente rivendicato – forse in parte retaggio della terra d’origine, la sua Sardegna –, che non ha mancato talora di generare frizioni e contrasti dai costi non irrilevanti (e che tuttavia Sergio non ha mai esitato a pagare) anche con le persone a lui più vicine, fra cui da ultimo neppure io negli ultimissimi tempi sono andato esente, quel che rimane per me un motivo di sincero rimpianto.

(segue)



Execution time: 63 ms - Your address is 54.162.166.214