Log in or Create account

NUMERO 6 - 25/03/2009

 Le terre australi ed antartiche francesi

La denominazione terra australis incognita, che veniva impiegato per designare il vasto continente australe, può oggi applicarsi a quel territorio d’oltremare, per molti aspetti ancora sconosciuto e poco studiato, che sono le Terre australi ed antartiche francesi (TAAF.). Invero, queste ultime sono situate in una regione che da sempre è al centro dell’attenzione della Francia nei settori dell’economia, nonché della scienza e che suscita oggi anche l’interesse dell’intera comunità internazionale. Infatti, esse sono state per molto tempo trascurate, se si pensa come i navigatori francesi avessero scoperto le isole subantartiche soltanto nel XVIII secolo, sebbene ciò avesse suscitato allora poca attrattiva nei governi o nelle compagnie che li avevano finanziati. Per queste ragioni, l’Antartico era stato « abbordato » dai francesi soltanto a metà del XIX secolo e più precisamente nel 1880. Tuttavia, si sarebbe dovuto attendere la fine del XIX secolo, sotto la Terza Repubblica, per assistere allo sviluppo di un interessamento per quest’area territoriale dimenticata, distante oltre 15 mila chilometri da Parigi.
Pertanto, solamente agli esordi del XX secolo si è posta la questione dello statuto delle Terre australi ed antartiche, in seno dell’impero coloniale francese. Per la verità, la soluzione adottata allora si è rivelata inadatta all’indomani della Seconda guerra mondiale, al punto tale da suscitare un dibattito destinato a condurre alla disciplina statutaria attuale.
Del resto, l’obbiettivo che si propone questo studio è di esaminare lo statuto particolare delle TAAF, senza trascurare, però, profili di diritto internazionale, utili ai fini della migliore comprensione del quadro giuridico complessivo. D’altro canto, siffatto territorio d’oltremare ha recentemente acquisito un’importanza nuova.

(segue)



Execution time: 44 ms - Your address is 54.156.92.243