Log in or Create account

FOCUS - America Latina N. 0 - 15/02/2010

 La Città autonoma di Buenos Aires nel federalismo multilivello argentino - Il singolare status costituzionale della capitale federale

La previsione di un nuovo modello di autonomia per la Città di Buenos Aires rappresenta uno degli aspetti più peculiari della riforma del tipo di Stato operata dalla revisione della Costituzione argentina del 1994.La riforma costituzionale è sorta in primis dalla necessità di rinnovare un tipo di Stato adeguato alla realtà argentina degli anni della Costituzione storica (1853-60), quando il federalismo nasceva principalmente come strumento di conciliazione per superare le rivalità e le divergenze tra le Province e veniva recepito nel testo costituzionale nella formulazione teorica alberdiana della Unità-federativa o della Federazione-unitaria. Il difficile compromesso tra unità e autonomia raggiunto dal Costituente in quegli anni, sotto le pressioni delle Province che richiedevano di arginare il centralismo di Buenos Aires per mezzo di un c.d. federalismo di integrazione, ha subito una radicale alterazione nel corso della centenaria evoluzione dell’esperienza federale argentina. Verso la metà degli anni Novanta, alla vigilia della riforma, al federalismo di convergenza iniziale si era sostituito un sistema caratterizzato da un forte centralismo statale e da una debolezza e disuguaglianza tra le Province che ne mettevano in luce lo stato di profonda crisi. 

(segue)
 



Execution time: 20 ms - Your address is 54.225.16.10