Log in or Create account

NUMERO 22 - 01/12/2010

 L'annullamento dell'aggiudicazione e gli effetti sul contratto: poteri del giudice

Il tema delle conseguenze derivanti dall’annullamento dell’aggiudicazione sugli effetti del contratto stipulato è ormai da molto tempo al centro di un dibattito interpretativo serrato ed intenso. È impossibile, in questa sede, riassumere la varietà dei percorsi ricostruttivi seguiti dalla dottrina e dalla giurisprudenza, sviluppati tanto in ambito sostanziale, quanto sul terreno processuale, in un’area di incerto confine tra il diritto civile e il diritto amministrativo, la normativa nazionale e quella europea.
L’attuazione della direttiva n. 66/2007, attraverso il decreto legislativo n. 53/2010 e la successiva inclusione nel codice del processo amministrativo, dovrebbe portare verso soluzioni sufficientemente appaganti delle diverse questioni sostanziali e processuali affrontate dagli interpreti.
Ma, al tempo stesso, la nuova disciplina, proprio per i suoi caratteri di “originalità”, è inevitabilmente destinata ad aprire ulteriori e inediti interrogativi, di carattere dogmatico e di taglio strettamente operativo.
Non vi è dubbio che l’angolo visuale dei poteri del giudice, in questo tipo di controversie, sia proprio il più significativo per vagliare, trasversalmente, la portata delle nuove regole.
Anzi, si potrebbe sostenere che, nella prospettiva del legislatore, sia questa l’unica chiave di lettura della innovativa disciplina... (segue)



Execution time: 38 ms - Your address is 54.167.253.186