Log in or Create account

NUMERO 14 - 13/07/2011

 Le ordinanze (forse non solo) ordinarie dei sindaci in materia di sicurezza urbana tra legalità sostanziale e riserve relative (Il detto e il non detto nella sentenza n. 115/2011 della Corte cost.)

Con la sentenza n. 115 del 2011 la Corte costituzionale giunge a riconoscere definitivamente ciò che la dottrina già da tempo, nonché alcune decisione del giudice amministrativo e la stessa Corte con la sentenza n. 196 del 2009 avevano affermato, e cioè che la nuova formulazione dell’art. 54, co. 4, del d. lgs. n. 267/2000 comportava in capo al sindaco l’attribuzione di un duplice potere “al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana”: l’adozione di ordinanze “ordinarie” oltre a quelle contingibili e urgenti. E da questo riconoscimento la Corte ne trae con argomentazione coerente, ampiamente condivisibile, la conseguenza in ordine alla illegittimità delle ordinanze “ordinarie”, lasciando però sullo sfondo non poche questioni aperte – per quello che si dirà – anche in ordine alla stessa legittimità delle ordinanze sindacali contingibili e urgenti in materia di sicurezza urbana... (segue)

 



Execution time: 40 ms - Your address is 54.224.168.206