Log in or Create account

NUMERO 20 - 19/10/2011

 Uno studio nella prassi delle autonomie locali: lo scioglimento anticipato dei Consigli comunali

In tutti gli ordinamenti, siano essi nazionali o stranieri, e a tutti i livelli, assistiamo ad una crisi profonda del ruolo delle assemblee elettive, accentuata dalla presenza di esecutivi sempre più forti. A livello locale, i Consigli comunali si trovano in una posizione di completa subordinazione di fronte al Sindaco, titolare di amplissimi poteri e grande prestigio sociale: “chiunque parli ai nostri giorni con un Consigliere comunale, per grande che sia la città di riferimento e quale che sia la collocazione tra i banchi della maggioranza o dell’opposizione, si imbatte in sconsolate valutazioni circa la marginalità del proprio ruolo. E la sostanziale irrilevanza politica e decisionale dell’assemblea municipale”. Data la profonda crisi vissuta dalle assemblee elettive locali, questo saggio si pone come obiettivo primario quello di analizzare i motivi che stanno alla base di suddetta crisi, evidenziando il rapporto tra Consiglio comunale e Sindaco. Entrambi questi organi, infatti, sono eletti a suffragio universale diretto, ma la loro posizione, a livello politico, non è paritaria a causa dei forti poteri concentrati nelle mani del primo cittadino. La forma di governo degli enti locali è delineata dalla legge n. 81/93che, per dare risposte alla collettività sempre più distaccata e sfiduciata nei confronti della politica e delle istituzioni, definì un modello di governo fortemente innovativo, incidendo sul sistema elettorale e sul rapporto tra organi... (segue) 

 



Execution time: 41 ms - Your address is 54.80.169.119