Log in or Create account

NUMERO 22 - 16/11/2011

 Consapevoli di essere nell'Unione Europea: la formazione del Governo Monti negli atti del Quirinale

La cronaca di questi giorni ha consegnato agli studiosi un interessante susseguirsi di atti istituzionali e di azioni politiche che meritano di essere ricostruiti con riguardo, in particolare, ad alcuni profili analizzando i quali si definisce almeno una parte delle ragioni che hanno determinato il corso degli eventi. Il primo aspetto è il (così spesso citato) “eterocondizionamento” del processo politico-istituzionale italiano ad opera di soggetti ritenuti esterni alla Repubblica quali i “mercati finanziari” e i “partner europei”. I termini tra virgolette non sono impiegati casualmente, ma sono tratti dai comunicati del Quirinale. Nella nota del primo novembre, è proprio il Presidente della Repubblica a fare riferimento al contesto dell’“ulteriore aggravarsi della posizione italiana nei mercati finanziari”, agli “impegni” nei confronti delle “autorità europee”, nonché alle “scelte che l’Europa, l’opinione internazionale e gli operatori economici e finanziari si attendono con urgenza dall’Italia”. Nello stesso testo si fa inoltre riferimento all’“aggravarsi della crisi” e al “così critico momento”... (segue)



Execution time: 42 ms - Your address is 54.196.2.131