Log in or Create account

NUMERO 3 - 08/02/2012

 Il Fondo europeo di Stabilità: un elemento propulsivo della nuova Europa

La difficile situazione finanziaria internazionale ha messo gli Stati nella condizione di dover fronteggiare la crisi facendo ricorso a diversi strumenti. Ciò che è apparso chiaro per quel che riguarda gli Stati membri dell’Unione europea è che una loro azione isolata, in nessun caso, avrebbe potuto produrre risultati positivi di stabilità. Anche le economie più solide hanno dovuto fare i conti con l’ovvia constatazione per la quale il mantenimento della loro stabilità e del loro benessere doveva passare gioco-forza per il mantenimento della stabilità di tutte le economie degli Stati membri dell’Unione. In un simile contesto un ruolo chiave nella gestione della crisi e nella scelta degli strumenti idonei a fronteggiarla è stato svolto dall’Ecofin, la formazione del Consiglio dell’Unione europea composta dai ministri dell’economia e delle finanze degli Stati membri. Proprio l’Ecofin ha deliberato, nel maggio 2010, la creazione dello European Financial Stability Facility (EFSF), passato alla ribalta della cronaca con il tetro nome di Fondo salva-stati. Il tema del fondo di stabilità merita un approfondimento soprattutto in virtù del fatto che sembra essere un argomento che in Italia è discusso poco e con molta superficialità, da una parte perché sopraffatto da altre questioni, dall’altra perché non se ne coglie fino in fondo la connessione con il tema della cessione di sovranità, e dunque della costruzione di un modello federale... (segue)



Execution time: 84 ms - Your address is 54.162.166.214