Log in or Create account

NUMERO 10 - 16/05/2012

 Presidenziali francesi 2012. Quale socialismo francese dentro la crisi europea?

Confermando il responso del primo turno, il candidato socialista François Hollande ha vinto il ballottaggio per le presidenziali francesi del 6 maggio 2012. Oltre 18 milioni di francesi hanno preferito l'alternativa socialista al faticoso quinquennato tardo-gollista di Nicolas Sarkozy, che ha comunque ottenuto più del 48% di consensi, sfiorando i quasi 17 milioni di voti. Se confrontiamo i due turni ci sembra di poter dire che François Hollande abbia raccolto tutti i voti dei candidati di sinistra (dai quasi quattro milioni del Front de Gauche di Jean-Luc Melenchon, al milione e mezzo scarso degli altri tre candidati, Eva Joly, Philippe Poutou e Nathalie Arthaud), cui sembrano aggiungersi almeno due terzi degli oltre tre milioni di voti presi da François Bayrou (che comunque aveva dichiarato di votare François Hollande al secondo turno). Nicolas Sarkozy è riuscito a recuperare oltre sette milioni di voti, probabilmente pescando dal restante milione di Bayrou e dagli oltre sei milioni di consensi di Marie Le Pen, vera sorpresa del primo turno, vicina al 18%. Quel milione e poco più di voti che separa i due sfidanti al secondo turno è da rintracciarsi anche nell'incremento delle schede bianche e nulle: oltre due milioni, il triplo rispetto al primo turno. E qui si potrebbe ipotizzare che una parte (quella più radicale?) dell'elettorato del Front National abbia assecondato la dichiarazione di scheda bianca fatta da Marie Le Pen prima del ballottaggio... (segue)



Execution time: 27 ms - Your address is 54.162.166.214