Log in or Create account

NUMERO 23 - 05/12/2012

 Commissioni di concorso, sorteggio dei commissari e analisi economica del diritto: un primo approccio

 Come ampiamente noto, la nostra legislazione in materia di reclutamento dei docenti universitari è ampiamente caratterizzata, almeno negli ultimi decenni, dall’utilizzazione del criterio del sorteggio ai fini dell’individuazione  dei docenti destinati a far parte delle commissioni di concorso. Il sistema del sorteggio dei commissari di concorso, previsto dall’art. 3, commi 6-14 della l. 7 febbraio 1979, n. 31 e dall’art. 44 del d.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 (riordinamento della docenza universitaria), è stato successivamente e massicciamente riproposto dagli artt. 1, 5° comma lett. a) n. 3 della l. 4 novembre 2005, n. 230 e dagli artt. 6 e 7 del d.lgs. 6 aprile 2006 n. 164 (riordino della disciplina del reclutamento dei professori universitari); la forte penetrazione del criterio del sorteggio all’interno della nostra sistematica normativa è, del resto, confermata dai dubbi di costituzionalità emersi in giurisprudenza con riferimento ai testi normativi (art. 2, 1° comma lett. b) della l. art. 2, c. 1, lett. b) della l. 3 luglio 1998, n. 210 e art. 3 del d.P.R. 23 marzo 2000, n. 117) che, al contrario, avevano optato per il sistema della «designazione di un componente da parte del consiglio della facoltà che ha richiesto il bando e …(della) elezione dei restanti componenti»... (segue)



Execution time: 49 ms - Your address is 54.162.164.86