Log in or Create account

NUMERO 12 - 11/06/2014

 Diritto all'oblio e internet

La recente sentenza della Corte di giustizia UE sul caso Google Spain ha riacceso l’interesse per il tema del diritto all’oblio; e a costretto Google a varare un sistema attraverso il quale un soggetto interessato può chiedere, per ottenere, la cancellazione di una notizia che lo riguarda a tutela del proprio “diritto all’oblio”. In queste note si vuole evidenziare la situazione italiana rispetto all’applicazione di questo nuovo diritto, quale situazione giuridica che si manifesta nello “ordinamento giuridico di Internet” (T.E. Frosini). Il diritto all’oblio (right to be forgotten), può ben essere considerato una sorta di reviviscenza del vecchio “diritto a essere lasciati soli” (right to be alone), e quindi un diritto che appartiene <<alle ragioni e alle regioni del diritto alla riservatezza>> (G.B. Ferri), ovvero come <<pretesa a riappropriarsi della propria storia personale>> (C. Chiola), e quindi una sorta di diritto all’autodeterminazione informativa, altrimenti come <<mezzo per ricostruire la dimensione sociale dell’individuo, evitando che la vita passata possa costituire un ostacolo per la vita presente>> (M. Mezzanotte). Certo, si tratta di definizioni e qualificazioni che non si eludono l’una con l’altra, ma piuttosto possono integrarsi l’una nell’altra... (segue)



Execution time: 46 ms - Your address is 54.224.187.45