Log in or Create account

NUMERO 12 - 11/06/2014

 La decisione della Corte di giustizia sul caso Google Spain: più problemi che soluzioni

La decisione della Corte di giustizia del 14 maggio 2014 sul Caso Google Spain, subito passata alle cronache come la sentenza che riconosce il famoso e sempre evocato diritto all’oblio, è per un verso certamente assai più importante, per l’altro invece molto meno innovativa di quanto si sia detto sinora, soprattutto nei commenti giornalisti. Il vero aspetto innovativo riguarda essenzialmente la qualificazione dell’attività dei motori di ricerca ai fini dell’applicazione della normativa europea sulla protezione dei dati personali. Da questo punto di vista due sono gli aspetti di particolare importanza: a) il primo, che a giudizio della Corte l’attività dei motori di ricerca, ove abbia ad oggetto anche dati personali, deve essere qualificata come trattamento di dati personali ai sensi dell’art. 2, lettera b) della direttiva 95/46 CE del Parlamento e del Consiglio del 24 ottobre del 1995; b) il secondo, che il gestore del servizio deve essere considerato come responsabile del trattamento ai sensi del medesimo art. 2 lettera d)Il primo punto, quello relativo alla qualificazione dell’attività dei motori di ricerca come trattamento dati, è conforme anche a quanto sostenuto dall’avvocato generale Jaaskinen, e di per sé non costituisce una particolare novità, né suscita significative perplessità (cfr. su questo anche Pollicino e Bassani, Bowilng for Columbine. La Corte di giustizia sul caso Google Spain, in Diritto 24, 13 maggio 2014)... (segue)



Execution time: 43 ms - Your address is 54.167.253.186