Log in or Create account

FOCUS - Human rights N. 3 - 24/10/2014

 Pubbliche amministrazioni e tutela dei diritti fondamentali degli immigrati

 Il tema dei diritti sociali fondamentali degli immigrati e, in particolare, di quei diritti connessi a bisogni primari della persona, quali la salute, l’abitazione, l’assistenza sociale, l’ istruzione, il lavoro, è  certamente un questione di grande attualità. Nonostante la loro natura di diritti fondamentali, riconducibili alla sovranità dalla Costituzione attribuita al popolo, tali diritti non vengono riconosciuti a tutti i soggetti che si trovano nel territorio italiano, ma soltanto ad alcuni di essi e sulla base di criteri di inclusione/esclusione, in palese violazione del principio di uguaglianza e del principio comunitario di non discriminazione. In contrasto, in particolare, con quello che è lo statuto costituzionale dei diritti dello straniero. Il che fa riemergere, ancora una volta, quella che è la questione di fondo, vale a dire il rapporto tra diritti dell’uomo e diritti dei cittadini. Una questione acuita dall’attuale crisi economico/finanziaria che ha portato inevitabilmente a tagliare la spesa pubblica, e segnatamente quella concernente i diritti sociali a prestazione, diritti che, è noto, hanno un costo, a volte molto elevato come, per fare un esempio, quello alla salute. La crisi, in altri termini, ha condotto a politiche sociali che hanno inciso inevitabilmente  sulla concreta attuazione dei diritti fondamentali, prima di tutto degli immigrati, determinando così la crisi degli attuali sistemi di welfare.  I tagli hanno colpito, in particolare, “gli ultimi arrivati”, e dunque gli stranieri che hanno un rapporto meno intenso con il territorio, escludendoli, o cercando di escluderli, soprattutto se non in regola con il permesso di soggiorno, dalla platea dei destinatari delle prestazioni sociali, attraverso selezioni a volte palesemente discriminatorie che “mettono a dura prova la categoria dei diritti umani tout court”, ma stimolano anche una riflessione sulla nozione tradizionale di cittadinanza che non può non essere riletta alla luce della visione cosmopolita dei rapporti internazionali legata, per l’appunto, alla tutela dei diritti umani... (segue)



Execution time: 33 ms - Your address is 54.145.124.143