Log in or Create account

NUMERO 23 - 10/12/2014

  05/12/2014, Documento di lavoro sulla sorveglianza delle comunicazioni elettroniche a scopi di intelligence e di sicurezza nazionale (con nota di S.C.)

Il Gruppo di Lavoro Articolo 29, organismo composto in prevalenza da membri delle Autorità garanti della protezione dei dati personali degli Stati Membri UE, il 5 dicembre 2014 ha pubblicato il documento di lavoro in esame su un tema di particolare attualità, ossia la sorveglianza posta in essere da autorità nazionali e di intelligence sulle comunicazioni effettuate da privati cittadini, questione già esaminata in una “opinion” pubblicata nell’aprile 2014 dal Gruppo di Lavoro.

Ad avviso del Gruppo di Lavoro, molti dei programmi di sorveglianza sembrano diretti alla raccolta massiva e al relativo trattamento di dati personali da varie fonti online e riguardano sia contenuti che dati di traffico. Spesso i servizi di intelligence hanno condotto le attività di sorveglianza senza alcuna distinzione tra individui sospetti e non, e in alcuni casi sono emerse profonde collaborazioni tra diversi Paesi attivi nei programmi di sorveglianza in questione.

Una soluzione proposta dal Gruppo di Lavoro consiste nell’inserimento nel Regolamento in materia di protezione dei dati personali in corso di approvazione di un apposita norma che stabilisca la necessità che l’Autorità garante nazionale interessata riceva la notifica e conceda una preventiva autorizzazione per la disclosure di dati personali richiesta da qualsiasi autorità di un Paese terzo (amministrativa o giurisdizionale), con eventuale informativa agli interessati dal trattamento.

Il Gruppo di Lavoro, inoltre, sottolinea la necessità di una definizione normativa di due concetti chiave, quello di “sicurezza nazionale” e quello di “trasferimento di dati”, auspicando sul tema il più ampio coinvolgimento dei soggetti interessati.

 

Nota di S.C.



Execution time: 24 ms - Your address is 54.225.57.89