Log in or Create account

FOCUS - Osservatorio Città metropolitane N. 1 - 21/01/2015

 Il territorio delle Province: tra riordini generali e puntuali. Dal Decreto-Legge n. 95/2012 alla Legge ordinaria dello Stato n. 56/2014

Abstract [It]: Il contributo si sofferma sui problemi inerenti l’applicabilità dell’art. 133, comma 1, della Costituzione repubblicana vigente alla luce degli interventi normativi che, a partire dal decreto-legge n. 95/2012 fino alla recente legge ordinaria dello Stato n. 56/2014 (c.d. legge Delrio), hanno caratterizzato il territorio delle Province nelle Regioni ad ordinamento comune. In particolare, il saggio cerca di dimostrare l’inconsistenza della distinzione tra riordini puntuali e riordini generali delle circoscrizioni provinciali, con conseguente utilizzo della procedura indicata nel comma 1 dell’art. 133 Cost. per ogni tipo di intervento sul territorio delle amministrazioni provinciali. Prendendo le mosse prima dal dibattito dottrinale antecedente la sentenza n. 220/2013 della Corte costituzionale e poi dalla stessa sentenza, il lavoro mette in evidenza come l’indefettibilità dell’iter indicato nell’art. 133 costituisca la garanzia fondamentale per evitare modificazioni territoriali imposte dall’alto, contrarie a quella concezione di democrazia pluralista propria dell’ordinamento costituzionale italiano.

Abstract [En]: The contribution focuses on the problems concerning the applicability of art. 133, paragraph 1, of the Constitution of the Republic in the light of current regulatory measures that, from the decree-law n. 95/2012 until the recent ordinary law of the state n. 56/2014 (so-called law Delrio) have caracterise the territory of the provinces in the regions to the common sort. In particular, the essay seeks to demonstrate the inconsistency of the distinction between reorder point and reorder general provincial boundaries, resulting in use of the procedure specified in paragraph 1 of art. 133 Cost. Each type of intervention on the territory of provincial governments. Following on from the first doctrinal lively debate prior to the judgment n. 220/2013 of the Constitutional Court and then by the same judgment, the paper highlights how the indefectibility of the procedure referred to in article 133 constitutes the fundamental guarantee to avoid territorial changes imposed from above, contrary to the conception of pluralist democracy own constitutional order Italian. 



Execution time: 19 ms - Your address is 54.198.246.116