Log in or Create account

FOCUS - Osservatorio Città metropolitane N. 1 - 21/01/2015

 L'approvazione dello Statuto della Città Metropolitana di Milano

+ STATUTO MILANO

Il 
22 dicembre 2014, alle ore 12, a Palazzo di Isimbardi (Sede della Provincia di Milano), la Conferenza Metropolitana ha approvato la proposta di Statuto presentata dal Consiglio Metropolitano, composto di 70 articoli.  In tal modo, il testo è diventato atto normativo, avendo ottenuto il consenso prescritto.

I risultati della votazione, effettuata per appello nominale, sono stati i seguenti:

-          Sindaci, o loro delegati, presenti: 99 su 135

-          Si sono espressi a favore: 91 (in rappresentanza di oltre 2.600.000 abitanti del territorio)

-          Hanno espresso voto contrario: 5

-          Non hanno partecipato al voto: 3

 

Pertanto, lo Statuto è stato approvato con il voto favorevole di oltre i 2/3 dei Sindaci aventi diritto al voto (e oltre il 90% dei presenti), nonché col voto favorevole di oltre l’80% dei rappresentanti della popolazione dell’intera Città metropolitana.

 

L’iter diretto all’adozione dello Statuto era iniziato quanto il Consiglio metropolitano aveva istituito, ai primi di ottobre del 2014, un’apposita Commissione statutaria, con il compito di discutere e predisporre la proposta finale del testo dello Statuto da sottoporre alla Conferenza dei Sindaci.

La bozza del testo base era stata preparata da un apposito Gruppo di lavoro, formato dalle Università milanesi (Cattolica, Statale, Bicocca e Bocconi), coordinato dal Prof. Enzo Balboni.

È stata inoltre aperta una fase di audizioni, nonché di raccolta di documenti e proposte scritte provenienti da Enti pubblici o articolazioni della società civile; tale fase è stata molto partecipata ed alcune proposte di questa provenienza sono poi entrate nella stesura finale.

Dapprima la Commissione statutaria, poi il Consiglio metropolitano, a larga maggioranza (e di ciò ho dato notizia in una precedente informativa), infine al Conferenza dei Sindaci, come sopra si diceva, ha definitivamente approvato la nuova Carta fondativa della Città metropolitana di Milano.

Nel corso della seduta che ha portato all’approvazione dello Statuto era stata sollevata, anche rumorosamente, da parte dei sessanta lavoratori precari che temevano di perdere la loro occupazione all’avvio della nuova istituzione, una protesta, che avuto esito positivo, per il fatto che il loro contratto è stato prorogato per un anno, in forza del decreto Milleproroghe.

Con la delibera n. 1/2015 il Sindaco metropolitano Giuliano Pisapia ha conferito al consigliere metropolitano Eugenio Comincini, sindaco di Cernusco sul Naviglio, la delega a Vicesindaco e le funzioni vicarie ex art. 21, c. 2 del nuovo Statuto.

In forza della disposizione finale prevista dall’art. 70, c. 2, il nuovo Statuto, pubblicato il 23 dicembre 2014, entrerà legalmente in vigore il 22 gennaio 2015.



Execution time: 17 ms - Your address is 54.198.210.67