Log in or Create account

NUMERO 10 - 20/05/2015

 Sostenibilità, diritti acquisiti ed irretroattività della legge. Prime osservazioni a margine della sentenza della Corte costituzionale n. 70/2015

Con la recente sentenza n. 70/2015 la Corte costituzionale - oltre al comprensibile clamore politico e giornalistico suscitato in relazione all'impatto che la stessa sembra destinata a produrre sui conti pubblici – ha maturato un ulteriore e significativo approdo rispetto alla complessiva giurisprudenza costituzionale nella materia previdenziale. In arresti più recenti, la Corte costituzionale non aveva mancato di considerare come il perseguimento di un tendenziale ampliamento dell'orizzonte della sostenibilità finanziaria dei sistemi previdenziali rappresentasse un elemento costituzionalmente qualificante degli interventi normativi a tal fine indirizzati. Ancora, la Consulta aveva già avuto modo di chiarirecome caratteristica comune delle normative dettate in materia di retribuzione pensionabile derivasse dal fatto che le stesse si collocano nell'ambito di un sistema previdenziale tendente alla corrispondenza fra le risorse disponibili e le prestazioni erogate. E ciò anche in ossequio al vincolo imposto dall'art. 81, quarto comma, della Costituzione. Non in ultimo, si ricordi quanto sostenuto dal Giudice delle leggi in relazione alla circostanza secondo cui la natura previdenziale di un intervento legislativo, stante la necessità di tener conto della «sostenibilità finanziaria complessiva del sistema», giustifichi l'attrazione alle competenze statali anche di funzioni di tipo amministrativo... (segue) 



Execution time: 42 ms - Your address is 54.225.16.10