Log in or Create account

NUMERO 21 - 11/11/2015

 La regolamentazione della fecondazione assistita nel difficile dialogo tra le «due culture»

Il settore della medicina riproduttiva appare, nel nostro Paese, al centro di un vivace, e a tratti anche assai aspro, confronto tra le cd. “due culture” per una certa difficoltà da parte della scienza giuridica di indirizzare tempestivamente il veloce incedere delle conoscenze scientifiche. Nonostante le straordinarie opportunità offerte dalla tecnologie applicate alla fecondazione assistita, per assecondare le aspettative di genitorialità delle coppie impossibilitate ad accedervi, il dibattito politico, per un insanabile scontro tra distinte visioni della bioetica, dogmatiche e laiche, non è sempre riuscito a fornire i necessari stimoli per l’elaborazione di una adeguata disciplina normativa. La stessa incapacità dell’operatore del diritto, sia esso il legislatore che il giudice, di dominare compiutamente il fenomeno scientifico, per l’assenza, spesso mostrata, di una adeguata sensibilità culturale che gli consentisse di coglierne compiutamente il possibile impatto all’interno della società, è stata la causa di un insoddisfacente prodotto legislativo e giurisprudenziale, sovente adottato sull’onda dell’emozione e di una «compassione cieca»... (segue)



Execution time: 41 ms - Your address is 23.20.162.200