Log in or Create account

NUMERO 24 - 23/12/2015

 Ricordo di Aldo M. Sandulli avvocato nel centenario della nascita

Sono, come potrete facilmente immaginare,  fortemente emozionata e profondamente commossa. Non avrei mai pensato di poter ricevere un riconoscimento così importante, che sicuramente non merito e di cui sono, quindi, estremamente grata alla commissione, in cui quest’anno sono stata per l’occasione sostituita da mio fratello Andrea. Consentitemi quindi di ringraziare in modo particolare proprio mio fratello, che, con Filippo Lubrano, già dallo scorso anno (come chi era presente potrà forse ricordare) ha affettuosamente insistito affinché io accettassi questo Premio.  Per Lui, come per me (e, fino a quando sono stati con noi, per mamma e per Nico),  indicare il premiato è doppiamente difficile e ha un significato particolarmente importante: il fatto che Andrea, con il suo speciale rigore e con il suo carattere schivo e riservato, abbia tenuto ferma la sua idea e abbia cercato e trovato argomenti per vincere le mie resistenze e convincermi che era giusto lasciarmi premiare, mi ha quindi ancor più lusingato e commosso... (segue)



Execution time: 45 ms - Your address is 54.145.124.143