Log in or Create account

NUMERO 21 - 02/11/2016

 Commemorazione di Francesco Greco

La ringrazio Illustrissimo Presidente, per l’onore che ha voluto riservarmi consentendomi di celebrare la memoria del Vice Presidente Emerito Francesco Greco recentemente scomparso, a nome degli avvocati del libero foro che patrocinano davanti a questa Ecc.ma Corte. Per sintetizzare la figura di Francesco Greco e comprendere appieno il contributo che ha saputo offrire alla giustizia costituzionale nei nove anni di esercizio del suo mandato, credo che sia estremamente significativo ricordare che egli è stato – prima di tutto e sopra tutto – un magistrato, esistenzialmente vocato allo svolgimento della funzione di giudice. Il Vice Presidente Greco – come ricordano le persone che lo hanno conosciuto – non amava i riflettori, perché ciò non si sarebbe mai potuto conciliare con la sua autentica natura di magistrato; un ottimo uomo di collegio, di grande equilibrio e umanità, un instancabile lavoratore, espertissimo in alcuni settori del diritto (in particolare, previdenza e assistenza sociale, rapporti di lavoro, pubblico impiego, legislazione ambientale) e dotato di capacità organizzative davvero non comuni che metteva generosamente al servizio della causa istituzionale. Di tutto ciò sono indice assai significativo, innanzitutto, due dati che – se i rapidi calcoli che ho fatto non mi ingannano – ne fanno il giudice costituzionale con la più alta produzione di pronunce redatte nell’intera storia (ormai ultra-sessantennale) di questa Corte (583 decisioni, di cui ben 191 sentenze e 392 ordinanze) e il giudice costituzionale con la più lunga permanenza quale componente dell’Ufficio di presidenza (6 anni ininterrotti, dal novembre 1987 all’ottobre 1993)... (segue)



Execution time: 65 ms - Your address is 54.162.241.40