Log in or Create account

NUMERO 2 - 25/01/2012

 La riforma delle Unioni di Comuni fra 'ingegneria' e 'approssimazione' istituzionali

L’accelerazione riformatrice impressa sul sistema delle autonomie locali dalla gravissima e inedita emergenza economica e finanziaria in corso ha catapultato nell’agone territoriale e amministrativo un modello di associazione fra piccoli comuni nuovo, variegato, incerto nella configurazione giuridica e funzionale, oltreché dubbio nelle potenzialità applicative. Si tratta di un modello che si differenzia da quelli avvicendatisi con esiti alterni nei decenni trascorsi. Esso si presenta come l’ultima e più pervasiva generazione di un sistema associativo pur sempre essenziale e irrinunciabile, del quale, tuttavia, non risultano chiari i margini di legittimità, i caratteri giuridici, i profili di governance, i presupposti di fattibilità e le condizioni di effettività. Di talché, in definitiva, è il complessivo impianto sotteso a non rendere ragione della categorica discontinuità conclamata.



Execution time: 238 ms - Your address is 54.82.209.152