Log in or Create account

Numero 11 - 28 maggio 2008 NORMATIVA [15]    GIURISPRUDENZA [65]    DOCUMENTAZIONE [19]

I sessant'anni della Costituzione Italiana: una riflessione sul passato, un progetto per il futuro

«La Costituzione rappresenta più che mai – nella sua comprovata validità – un patrimonio comune»: nessuna forza politica può reclamarne in esclusiva l’eredità, «possono solo, tutte insieme, richiamarsi ai suoi valori e alle sue regole, e insieme affrontare i problemi di ogni sua specifica, possibile revisione». Così il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il 23 gennaio scorso, ha celebrato il 60° anniversario della Costituzione repubblicana.
Le origini e il contenuto della Costituzione – fra loro inscidibilmente connessi – rendono ragione del suo essere un “patrimonio comune”, della sua attualità e della sua capacità di continuare a costituire il punto di riferimento della nostra convivenza, nonostante i profondi mutamenti del contesto sociale, politico ed economico, rispetto a quelle origini; ferma restando la necessità di qualche limitato ritocco di quel contenuto. E, d’altronde, prima di interrogarsi sull’attualità o sull’obsolescenza della Costituzione – come oggi è di moda – occorrebbe chiedersi quanto di essa resta ancora da attuare, a sessanta anni dalla sua entrata in vigore...

Fonti e principi della giustizia amministrativa

Quello delle fonti e dei principi della giustizia amministrativa è argomento che assurge, in questo periodo più che mai, alla massima attualità: io stessa lo scorso anno ho sentito l’esigenza di organizzare all’Università di RomaTre un convegno sul ruolo del giudice, con particolare riferimento alle magistrature supreme...

Il regime giuridico della responsabilità degli amministratori e dipendenti delle s.p.a. a partecipazione pubblica e l'art. 16 del decreto c.d. mille proroghe

Questo scritto è un contributo al tentativo di individuare il regime giuridico della responsabilità degli amministratori e dipendenti per danni da questi procurati alle imprese pubbliche o, per meglio dire, alle s.p.a. cosiddette “in mano pubblica”, cui appartengono...

Il dibattito sulla Costituzione e le riforme

[omissis] La nostra Costituzione è sempre stata vissuta come il luogo del consenso, anche per il modo in cui venne approvata: con una maggioranza larghissima e con il voto contrario degli esponenti monarchici, dei pochi politici che ancora si rifacevano all'esperienza fascista e di qualche rappresentante del vecchio mondo prefascista...

La tragedia del paese senza regole e il processo del lavoro

Un libro di Gherardo Colombo, di avvincente semplicità, spiega che siamo un paese senza regole e si sofferma poi sul senso e sull’utilità delle regole per la convivenza civile.
Ma: perché siamo un paese senza regole?
Non vuol dire che le regole non ci sono.
Anzi, nel nostro paese ce ne sono tantissime.
Infatti, da decenni e decenni tutti i governi vogliono ridurle e semplificarle (anche se non ci sono più regole nel nostro paese che in altri paesi:...)

Il quorum di partecipazione nel referendum sulla legge statutaria della Regione Sardegna

Con la sentenza n. 164 del 2008 la Corte costituzionale si è pronunciata su una questione sollevata dalla Corte d’appello di Cagliari in riferimento all’art. 15, comma 1, della legge della Regione Sardegna n. 21 del 2002 (disciplina del referendum sulle leggi statutarie), nella parte in cui rinvia all’articolo 14 della legge della Regione Sardegna n. 20 del 1957 (Norme in materia di referendum popolare regionale). In particolare, il comma 2 della disposizione da ultimo citata prevede come requisito di validità del referendum il quorum di partecipazione di un terzo degli elettori...

L’art. 2 della legge 13 aprile 1988, n° 117 e le pronunce della Corte di Giustizia: la norma è oggi costituzionalmente legittima?

L’insediamento del nuovo Governo, che al terzo punto del programma elettorale sottoposto agli elettori ha espressamente indicato tra le proprie missioni “la riforma della normativa anche costituzionale in tema di responsabilità penale, civile e disciplinare dei magistrati...

 

Primarie Usa: e se Clinton divenisse l'Al Gore del 2008?

Perché Hillary Clinton è ancora in corsa? E a cosa mira veramente? È su queste domande che da ormai parecchi giorni si esercita gran parte della stampa americana. Al punto che la stessa senatrice si è sentita in bisogno di dare la propria versione della risposta: “Corro perché credo ancora di poter vincere on the merits. [… E] corro perché credo di essere la candidata più forte per fronteggiare McCain”...

La cooperazione decentrata. Una nuova via per la solidarietà internazionale

La cooperazione e la solidarietà internazionale rappresentano il tentativo da parte degli Stati e della società civile di costruire nuove tipologie di rapporti con l’altra metà del mondo basati sullo scambio reciproco, sulla collaborazione, sulla solidarietà. Questi principi si concretizzano nel sostegno e finanziamento di progetti di sviluppo che vogliono migliorare le condizioni di vita delle popolazioni e renderle partecipi di un cambiamento di segno positivo..

  • In occasione dei cinquant'anni di vita parlamentare

    [omissis] E fu per me un onore immenso far parte di queste Camere del Parlamento nazionale, di quel sovrano legale da cui ogni legittimo potere civile, militare, giudiziario, deriva. Ché quando il Fascismo volle spazzare via la democrazia rappresentativa e il regime di libertà spazzò via il Parlamento non le Forze Armate, non la Polizia e neanche la magistratura che di fatto aderì nella quasi totalità al regime, mandando in galera Paietta, Terracini, De Gasperi, Lussu, Amendola e tanti altri ancora...
Execution time: 43 ms - Your address is 23.20.129.162