Log in or Create account

FOCUS - Le Anchor Institutions nella società liquida N. 4 - 27/09/2019

 La domanda pubblica come leva per l'innovazione: le potenzialità degli appalti innovativi per le Anchor Institutions

Il dibattito circa il ruolo dello Stato come propulsore per l’innovazione tecnologica ha avuto negli ultimi anni un grande sviluppo, nell’ambito delle riflessioni sul ridimensionamento dell’intervento pubblico in economica che a sua volta denota un mutamento della forma di Stato rispetto al modello dello Stato sociale o Welfare State sviluppatosi nelle democrazie occidentali tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Volendo limitare l’attenzione sul ruolo dello Stato non come erogatore di servizi e regolatore dell’economia in generale, ma nella sua funzione di stimolare l’innovazione tecnologica, allora la prospettiva muta non di poco: a prima vista, lo sviluppo tecnologico sembrerebbe un fenomeno che deve esser lasciato agli imprenditori privati; anzi, è proprio ciò che caratterizza l’evoluzione creatrice del capitalismo e che consente di distinguere tra crescita e sviluppo. Mentre la crescita consiste nell’aumento della produttività e della ricchezza sulla base di tecniche preesistenti, lo sviluppo comporta un procedimento di “distruzione creatrice” (Schumpeter) che è caratterizzato dall’introduzione sul mercato di nuovi prodotti e processi produttivi. L’imprenditore capace di innovare assume una posizione di vantaggio sul mercato e sconfigge la concorrenza, fino a che l’innovazione diventa disponibile a tutti ed un altro imprenditore introduce un nuovo elemento che gli permette di prevalere. La rilevanza dell’innovazione nella determinazione dello sviluppo economico è ormai pacificamente riconosciuta, tanto che secondo alcuni autori l’innovazione tecnologica è la base dei “cicli lunghi” dell’economia: il telaio meccanico ha dato l’avvio alla prima rivoluzione industriale, la ferrovia è stata centrale nel secondo ciclo di rivoluzione industriale, nella seconda metà del XIX secolo ed è poi stata seguita dall’elettrificazione, industria chimica e motore a combustione interna che hanno caratterizzato la terza rivoluzione industriale, tra il 1890 ed il 1930. Nei primi decenni del XX secolo la produzione di massa e la catena di montaggio hanno avviato la quarta rivoluzione industriale, fino agli anni ’80 del secolo scorso, quando è iniziato il quinto ciclo, con la tecnologia dell’informazione e della comunicazione. Si comprende allora la giustificazione dell’intervento pubblico per stimolare l’innovazione tecnologica, in quanto tale intervento conduce indirettamente ad una evoluzione economica positiva. E’ infatti un dato comunemente acquisito che l’innovazione tecnologica richieda un intervento pubblico, ma sono estremamente dibattute la portata e le modalità di tale intervento. Per rifarsi a due posizioni molto diverse sostenute negli ultimi anni da due autori italiani con risonanza internazionale, vi è chi attribuisce allo Stato una funzione fondamentale nello svolgimento dell’attività di ricerca che porta allo sviluppo tecnologico e che i privati non sono in grado di eguagliare per mancanza di risorse, di propensione al rischio e di capitali pazienti, tanto da parlare di “Stato innovatore”. Vi è poi chi, al contrario, pur riconoscendo un ruolo importante allo Stato per lo sviluppo tecnologico, ritiene che esso debba limitarsi a fornire alcune condizioni di contesto, per favorire le imprese che intendono operare nel settore, in quanto lo Stato non ha lo stimolo né la capacità per cogliere i possibili vantaggi e sfruttamenti economici delle invenzioni prodotte dai suoi laboratori. Entrambi gli autori si pongono la missione di sfatare i miti esistenti in relazione al ruolo dello Stato e dei privati per lo sviluppo tecnologico, secondo la solita tecnica per la quale le tesi avversarie sono esposte in termini a volte esagerati, per essere poi tacciate di costituire semplici miti contraddetti dall’osservazione dei fatti. Entrambi ammettono l’importante ruolo svolto dallo Stato – ed in particolare dall’apparato militare – nell’acquisizione di alcune invenzioni che stanno alla base della moderna tecnologia, come internet, lo schermo touch, il GPS, l’economia verde e così via, ma quando poi passano a valutare il rapporto tra la ricerca pubblica e lo sfruttamento fattone dalle imprese private le due prospettive diventano antinomiche. In estrema sintesi, per Mazzuccato le imprese private si sono limitate ad appropriarsi dei vantaggi della ricerca pubblica, senza riconoscerne il merito e senza essere capaci di produrre esse stesse risultati di tale portata, tanto che la proposta dell’autrice de “Lo stato innovatore” è proprio quella di aumentare le risorse dedicate alla ricerca pubblica, in quanto più efficiente, riducendo di conseguenza il finanziamento alla R&S delle imprese e, comunque, riconoscendo alla ricerca pubblica il giusto profitto in modo che possa autofinanziarsi. Per Mingardi, invece, la ricerca pubblica è ampiamente inefficiente in quanto utilizza ingenti risorse economiche senza sapersi orientare verso scopi concreti ed utilizzabili, tanto che i suoi risultati non hanno valore di per sé, ma solo quando le imprese private la colgono e la sanno valorizzare attraverso la commercializzazione. Per fare un esempio, secondo Mingardi è vero che internet nasce in ambiente militare e quindi pubblico, ma sarebbe rimasto confinato a tale utilizzo se le imprese (e le Università private) non ne avessero intuito l’enorme potenziale commerciale e non avessero di conseguenza adattato la tecnica del www all’uso che noi oggi conosciamo. Come si vede, seppure da questa esposizione estremamente sintetica, si tratta di due posizioni che differiscono per una diversa percezione degli stessi fenomeni e che, a ben vedere, hanno alcuni elementi in comune, primo fra tutti la critica ad una eccessiva spesa pubblica per finanziare la R&S delle imprese private. Ovviamente, tale valutazione negativa si colloca in prospettive diverse: in un caso (Mazzuccato) si tratta di denaro che sarebbe meglio utilizzato per finanziare centri di ricerca pubblici così che la ricerca sia svolta direttamente da strutture pubbliche anche perché non si può mai avere la certezza dell’effetto di addizionalità cioè che le imprese private non avrebbero svolto comunque la ricerca finanziata con il denaro pubblico. Nell’altro caso (Mingardi) il finanziamento pubblico alla R&S è visto come un tentativo per imporre alle imprese le scelte pubbliche in materia di ricerca, mentre esse dovrebbero essere lasciate libere di seguire le proprie strategie, di sbagliare ed imparare dagli errori propri e degli altri perché solo in questo modo ci si può avvantaggiare della distruzione creatrice. Il finanziamento pubblico alla R&S delle imprese private costituisce lo strumento più tipico di stimolo della ricerca privata dal lato dell’offerta: si tratta infatti di finanziamenti pubblici destinati a invogliare le imprese private ad offrire prodotti di ricerca innovativi sul mercato. La prospettiva cambia se l’intervento pubblico per stimolare la ricerca delle imprese è strutturato per agire dal lato della domanda invece che dell’offerta: in tal caso infatti esso sembra raccogliere maggiori consensi. Secondo Mazzuccato, “le commesse pubbliche di tecnologie che richiedono innovazione sono più efficaci dei sussidi elargiti nella speranza che l’innovazione arrivi” ed in effetti tale affermazione è coerente con l’impostazione sin qui seguita: il denaro pubblico viene efficacemente utilizzato in quanto indirizzato in primo luogo a soddisfare un bisogno pubblico, consistente nell’acquisizione di un prodotto o di un servizio innovativo ed il privato sarà pagato solo (o in misura prevalente) se dimostra di essere in grado di soddisfare tale bisogno. Inoltre il rispetto del principio di addizionalità è autoevidente in quanto l’impresa svolge l’attività di ricerca per ottenere la commessa… (segue)



NUMERO 18 - ALTRI ARTICOLI

Execution time: 21 ms - Your address is 3.214.184.124
Software Tour Operator