Log in or Create account

NUMERO 21 - 08/07/2020

 Brevi note su emergenza COVID e voto dei parlamentari a distanza. Rappresentanza politica, tra effettività e realtà virtuale

Abstract [It]: Il dibattito sviluppato nella primavera del 2020 sui problemi costituzionali posti dalla pandemia da Covid ha riguardato anche il funzionamento delle Camere. L’autrice discute la proposta di introdurre la possibilità dei parlamentari di votare da remoto con tecnologie digitali, i problemi in termini di fonti del diritto e dei principi costituzionali rilevanti in materia. La rappresentanza politica, già in forte crisi, si teme possa essere messa a rischio da un Parlamento che abdicasse dal proprio ruolo al centro della scena politico-costituzionale proprio nel momento della più grave crisi della storia repubblicana.

 

Abstract [En]: In the spring of 2020, a rich constitutional law debate developed on several issues raised by the pandemic, and it focused also on the functioning of the Chambers. The author discusses the proposal to introduce the power of MP to vote remotely with digital technologies. Questions rising in this debate concern the choice of the proper source of the law to regulate such power, and the respect of constitutional principles relevant to the matter. Political representation, which is already in crisis, might be put at risk by a Parliament abdicating its crucial role during such a dramatic emergency.

 

Sommario: 1. Il contesto dell’emergenza Covid e i problemi costituzionali. - 2. Revisione costituzionale, intervento sui regolamenti parlamentari o interpretazione evolutiva per introdurre il voto a distanza? - 3. Nel merito: sulla legittimità (e pensabilità) di un Parlamento che lavora “da remoto”. - 4. Sul metodo nella comparazione e qualche riflessione sul Parlamento italiano.



Execution time: 204 ms - Your address is 34.238.248.103
Software Tour Operator