Log in or Create account

NUMERO 7 - 10/03/2021

 Fratellanza e lavoro. Contributo agli studi in materia di insegnamento sociale della Chiesa

Abstract [It]: L’insegnamento sociale della Chiesa cattolica si occupa anche di temi giuslavoristici, tra cui il lavoro povero. L’enciclica Fratelli tutti segna, in questa prospettiva, un passaggio importante che attiene all’individuazione delle cause di tale fenomeno e alla promozione dei cambiamenti sistemici per modificare in radice tali cause. Il saggio muove dalla visione sociale che la Chiesa cattolica ha maturato nel tempo per affrontare specificatamente l’argomento del lavoro povero. Gli studi recenti sulle cause del lavoro povero (mancato rinnovo dei CCNL, applicazione di salari inferiori ai minimi contrattuali, abuso della flessibilità contrattuale, lavoro irregolare) rilevano che il lavoro povero ricade specialmente sulle fasce sociali più vulnerabili (donne, giovani, migranti) e su alcune aree dell’Italia (meridione), determinando un più limitato accesso alla formazione, con conseguenze quasi irreversibili sulla mobilità professionale e sociale del lavoratore. Il lavoro povero si combatte con il metodo della responsabilità, individuale e collettiva, che si traduce in effettiva contrattazione collettiva e in buone relazioni industriali. Con tale metodo si può colpire questo male sociale in profondità e vincere. Tale metodo viene esemplificato con la proposta di salario minimo europeo che si basa su possibili interventi legislativi di sostegno (non sostitutivi, e soprattutto mai di esonero) delle funzioni delle relazioni industriali e della contrattazione collettiva.

 

Abstract [En]: The Catholic Church social teaching provides, among other items, a compelling labor and industrial relations analysis. In this viewpoint, causes and risks of the in-work poverty are significantly highlighted by the encyclical Fratelli tutti, which strongly promotes actions to challenge systemic changes aimed at reducing such causes and risks. The essay focuses on the in-work poverty frame. Recent investigations concerning individuals that are at risk of in-work poverty are focusing on the related social causes (collective bargaining’s activities, disposable income below a certain level, frauds in flexibility labor regulations, undeclared work) and on the related social clusters (women, young people, migrants, geographical areas). In-work poverty can also determine detrimental effects in the fields of vocational training and social/professional mobility. In-work poverty can be addressed by means of a mix of measures that should be aimed at combining labor and social law reforms along with industrial relations and collective bargaining as the directive/proposal for European statutory minimum wage carries out.

 

Parole chiave: insegnamento sociale della Chiesa cattolica; lavoro povero; minimi contrattuali; disagio sociale; flessibilità; responsabilità collettiva; legislazione di sostegno; salario minimo europeo 

Keywords: social teaching of the Catholic Church; working poor; in-work poverty; statutory salary; collective bargaining; social dialogue; industrial relations; labor law; minimum statutory wage; Europe

 

Sommario: 1. Premessa. Individuazione del campo di indagine. 2. Contenuti e metodo dell’insegnamento sociale. Man fragt, con risposte che si adeguano ai segni dei tempi. 3. I temi giuslavoristici nell’enciclica Fratelli tutti. 4. Lavoro povero e insegnamento sociale della Chiesa cattolica. Cause, effetti, scenari. Il caso italiano e la proposta di direttiva europea sul salario minimo.



Execution time: 58 ms - Your address is 34.236.191.104
Software Tour Operator