Log in or Create account

NUMERO 11 - 21/04/2021

 L’inviolabilità del corpo come antagonista della grundnorm. Libertà personale e forma di Stato.

Abstract [It]: L’idea da cui parte il saggio è che la libertà personale non è solo un diritto inviolabile, non è solamente il più importante dei diritti inviolabili, in quanto condizione per l’esercizio di tutti gli altri (senza corpo non c’è libertà), ma rappresenta un principio costitutivo della forma di stato liberale: in ultimo il principio dell’inviolabilità del corpo si configura come l’antagonista della norma fondamentale (grundnorm). Si analizza dunque la libertà personale non solamente come “libertà dagli arresti” ma nel suo più ricco e complesso significato “permissivo” con particolare attenzione all’intera giurisprudenza della Corte costituzionale fino alle più recenti decisioni. Segue una articolata classificazione delle fattispecie tutelate in diverse categorie distinguendo fra il concetto di inviolabilità “relativa” e quello di inviolabilità “assoluta”.

 

Abstract [En]: The idea from which the essay starts is that personal freedom is not only an inviolable right, it is not only the most important of the inviolable rights, as a condition for the exercise of all the others (without a body there is no freedom), but it represents a constitutive principle of the liberal state form: finally, the principle of the inviolability of the body is configured as the antagonist of the fundamental norm (grundnorm). Personal freedom is therefore analyzed not only as "freedom from arrest" but in its richest and most complex "permissive" meaning with particular attention to the entire jurisprudence of the Constitutional Court up to the most recent decisions. An articulated classification of the cases protected in different categories follows, distinguishing between the concept of "relative" inviolability and that of "absolute" inviolability.

 

Parole chiave: Libertà personale, diritti costituzionali, inviolabilità, forma di Stato, Corte costituzionale

Keywords: Personal freedom, constitutional rights, inviolability, form of state, Constitutional Court

 

Sommario: 1. La prospettiva di analisi. Il contenuto e l’oggetto della grundnorm nell’ordinamento italiano. 2. La libertà e l’emancipazione. La disciplina delle libertà giuridiche e la dialettica con l’autorità. 3. Il contenuto e l’oggetto della libertà personale nell’ordinamento italiano. 4. L’impostazione della tematica nella dottrina, nell’evoluzione storica e nella disciplina comparata (cenni) . 5. Il parametro del primo comma dell’art. 13 nella giurisprudenza costituzionale. Il “caso Cappato”. 6. L’interpretazione dell’articolo 13 della Costituzione attraverso l’ermeneutica giuridica e la teoria degli insiemi. 7.1. Il concetto astratto di libertà personale (LP): “Non può essere limitato in alcun modo il potere di disporre del proprio corpo senza nuocere ad altri”. 7.2. La libertà personale in senso stretto (L13) escluse, quali leges speciàles, le fattispecie tutelate da altre disposizioni costituzionali (LX). 7.3. Le fattispecie ad “inviolabilità relativa” (IR): libertà in senso formale ovvero aspetto passivo del divieto di interferenze derogabile in ipotesi tassative ex art. 13, comma 2 e 3 della Costituzione. 7.4. Le fattispecie ad “inviolabilità assoluta” (IA): libertà in senso sostanziale ovvero aspetto attivo del divieto di interferenza inderogabile ex art. 13, primo comma. 7.5. L’incostituzionalità dell’art. 5 del codice civile sul divieto di atti dispositivi del proprio corpo. 7.6. Le fattispecie non tutelate dall’art. 13: le limitazioni “non degradanti” ovvero il confine esterno della libertà personale e l’art. 23 della Costituzione. 8. Il conflitto politico fra sovranità e libertà del corpo come chiave di volta della forma di Stato.



Execution time: 107 ms - Your address is 34.207.247.69
Software Tour Operator