Log in or Create account

NUMERO 15 - 01/06/2022

 La CGUE sul limite di estensione dei permessi di ricerca di idrocarburi

Abstract [It]: Con sentenza del 13 gennaio 2022 (C-110/20), la Corte di giustizia ha stabilito la necessità di considerare le ricadute ambientali nel conferimento di più permessi di ricerca di idrocarburi su aree contigue marittime. I Giudici di Lussemburgo hanno, così, offerto una chiave di lettura decisiva della disciplina statale, inserendo definitivamente l’ambiente fra i diversi interessi implicati. Tuttavia, gli effetti della pronuncia rischiano di risultare dimidiati a causa della forte impermeabilità che caratterizza il settore sul piano interno. Pertanto, potrebbe risultare necessario un ulteriore intervento chiarificatore, questa volta ad opera della Corte costituzionale, sviluppabile nel circolo virtuoso della doppia pregiudiziale. Al di là dell’effettivo recepimento della pronuncia, resta fermo l’interesse suscitato dalla – per quanto implicita – messa in opera del principio di integrazione ambientale ex art. 11 TFUE, che può trovare dei punti di riscontro nella recente riforma modificativa degli artt. 9 e 41 Cost.

 

Title: Constitutional implications of the Court of Justice ruling on the limitation of the extension of hydrocarbon exploration permits: suggestions for an integrative approach to energy matters

Abstract [En]: By judgment of 13 January 2022 (C-110/20), the Court of Justice established the need to consider environmental impacts when granting more than one hydrocarbon exploration permit in contiguous maritime areas. The Luxembourg judges thus offered a decisive interpretation of the State legislation, definitively including the environment among the various interests involved. However, the effects of the ruling are likely to be mitigated because of the strong impermeability that characterizes the sector at national level. Therefore, further clarification may be necessary, this time by the Constitutional Court, which can be developed in the virtuous circle of double prejudicial. Beyond the effective implementation of the ruling, the interest aroused by the – albeit implicit – enacting of the principle of environmental integration pursuant to Article 11 TFEU remains undiminished, which may be mirrored by the recent reform amending Articles 9 and 41 of the Constitution.

 

Parole chiave: idrocarburi, ambiente, principio di integrazione, sovranità, energia

Keywords: hydrocarbons, environment, integration principle, sovereignty, energy

 

Sommario: 1. La rilevanza costituzionale della decisione: concorrenza, parità d’accesso ma anche ambiente come interessi (potenzialmente) implicati nella disciplina sul limite di estensione del permesso. 2. L’ultimo dei limiti. L’incerta finalità sottesa alla previsione normativa sull’estensione del singolo permesso di ricerca alla luce della giurisprudenza amministrativa. 3. Alla ricerca del limite cumulativo perduto: comparsa, scomparsa, ricomparsa e riscomparsa della previsione e la costante dell’instabilità del fine perseguito. 4. Il decisivo assestamento finalistico operato dalla Corte di giustizia. 5. I limiti dello scrutinio di Lussemburgo: la recondita incidenza della sovranità territoriale. 5.1. (segue): l’insufficienza del “diritto vivente” europeo a fronte dell’eterno ritorno della discrezionalità tecnico-politica che caratterizza la disciplina. 6. Il necessario scrutinio interno della disciplina: l’ipotesi (in chiave evolutiva ed empirica) della incongruità rispetto allo scopo… 6.1. (segue): …applicata ai fini dell’interpretazione sistematica in vista di un eventuale (se necessario) intervento della Corte costituzionale. 7. Conclusioni. La strada per un approccio integrativo alla disciplina, anche a partire dalla riforma degli artt. 9 e 41 Cost.



Execution time: 46 ms - Your address is 35.168.110.128
Software Tour Operator