Log in or Create account

FOCUS - Osservatorio di Diritto sanitario

 Corte di Cassazione, Sentenza n. 19199/2018, La prova del nesso causale nell’azione di risarcimento del danno per omessa prestazione avente ad oggetto il 'consenso informato'

La prova del nesso causale nell’azione di risarcimento del danno per omessa prestazione avente ad oggetto il "consenso informato”.

 

Cass. civ., sez. III, 19 luglio 2018, n. 19199

 

Pres. G. Travaglino – Est. S. Olivieri – B.L. (Avv. Nicola Buquicchio) c. Humanitas Mirasole S.P.A (Avv. Vincenzo Paltrinieri)

 

Diritto all’autodeterminazione – Mancata informazione – Scelta diversa ove l’informazione fosse stata fornita -  Onere della prova – Paziente – Consenso all’intervento – Mancanza di valida alternativa terapeutica – Sottoposizione a precedenti interventi analoghi - Presunzione

 

 

La dimostrazione che il paziente, se adeguatamente informato dei rischi, avrebbe esercitato un’opzione diversa rispetto all’intervento costituisce elemento integrante dell’onere della prova del nesso eziologico tra l’inadempimento e l’evento dannoso che, in applicazione dell’art. 2697 c.c., compete ai danneggiati.  Inoltre, la presunzione del consenso può essere dedotta da alcuni elementi sintomatici, come l’assenza di possibili soluzioni terapeutiche alternative e la sottoposizione ad interventi precedenti di natura analoga.

 

                                                                                                                                                                           S. B.



Execution time: 32 ms - Your address is 3.80.32.33