Log in or Create account

NUMERO 25 - 09/09/2020

 La riduzione del numero dei parlamentari: un’opportunità per il rilancio della rappresentanza.

1.Con il testo di legge costituzionale “Modifiche agli artt. 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari” A.C. 1585-B, approvato in via definitiva, l’8 ottobre 2019 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 240 del 12 ottobre 2019) è stata prevista la riduzione del numero dei parlamentari da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori elettivi. Con la quarta e ultima votazione, la Camera ha deliberato lo snellimento del numero dei parlamentari con 553 voti a favore, 2 astenuti e 14 voti contrari. In parallelo alla norma di revisione costituzionale di riduzione del numero dei parlamentari, il Parlamento ha approvato la legge n. 27 maggio 2019, n.51 recante “disposizioni per assicurare l’applicabilità delle leggi elettorali indipendentemente dal numero dei parlamentari”. Ciò al fine di “rendere neutra rispetto al numero dei parlamentari fissato in Costituzione, la normativa elettorale per le Camere”. In particolare, l’art. 3 della l.n.51 del 2019 ha delegato il Governo a rideterminare i collegi uninominali e plurinominali. Come stabilito dall’art. 138, la legge può essere sottoposta a referendum popolare qualora entro tre mesi dalla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale ne facciamo domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli Regionali. Un quinto dei senatori ha richiesto di sottoporre la riforma sulla riduzione del numero dei parlamentari al vaglio popolare… (segue)



Execution time: 171 ms - Your address is 3.234.143.26
Software Tour Operator