Log in or Create account

NUMERO 11 - 28/05/2014

 Il Regno di Svezia. Forma giuridica, sistema elettorale e portata politica delle elezioni al Parlamento europeo

Così come per gli altri Paesi nordici, con esclusione della Finlandia, la forma politica della nazione svedese è di tipo monarchico costituzionale. In particolare, sin dalle guerre napoleoniche regna sulla Svezia la dinastia Bernadotte, di origine francese. Naturalmente, al pari delle altre esperienze monarchiche, la forma svedese si è da tempo democratizzata, trasformandosi in una monarchia parlamentare, in cui, in considerazione del rapporto fiduciario che lega l’esecutivo al legislativo, la legittimazione politica dell’esecutivo poggia sulla rappresentanza democratica nazionale. Inoltre, con la Carta costituzionale del 1975, questa tendenza si è definitivamente cristallizzata in un assetto istituzionale, per il quale il Re è sì capo dello stato, ma ha perduto anche formalmente i poteri una volta di sua spettanza, tra i quali spiccano la nomina del governo e lo scioglimento del Riksdag, l’assemblea parlamentare nazionale. Il potere di nomina del Primo ministro spetta infatti al Presidente dello stesso Riksdag, mentre la nomina e la revoca dei singoli ministri è di competenza del Primo ministro, salva la espressa previsione della mozione di sfiducia individuale da parte dell’assemblea. Il potere di scioglimento è anch’esso nelle mani del Primo ministro, che può esercitarlo anche se sfiduciato... (segue)



Execution time: 47 ms - Your address is 3.80.223.123