Log in or Create account

FOCUS - Osservatorio di Diritto sanitario

 Corte di Giustizia, Sentenza del 19/04/2018, in tema di aggiudicazione di un servizio sanitario

Per aggiudicare un servizio sanitario la SA deve rispettare norme fondamentali e principi generali TFUE.

Corte di giustizia UE, Sezione IX, Sentenza 19 aprile 2018

Pres. E. Juhász – Est. C. Vajda – Consorzio Italian Management e Catania Multiservizi SpA (avv.ti E. Giardino e A. Cariola) c. Rete Ferroviaria Italiana SpA (U. Cossu).

Appalto di servizi sanitari – Norme fondamentali e principi generali TFUE – Rispetto – Necessità – Art. 27, par. 3, dir. 92/50 – Applicabilità – Esclusione.

 

La CGUE, risolvendo le questioni pregiudiziali sottopostele dalla Corte di Cassazione italiana, ha statuito che “un'amministrazione aggiudicatrice, qualora attribuisca un appalto pubblico di servizi che ricade sotto l'articolo 9 della direttiva 92/50/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1992, che coordina le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di servizi, come modificata dalla direttiva 97/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 ottobre 1997, e che, di conseguenza, è in linea di principio assoggettato soltanto agli articoli 14 e 16 di detta direttiva, è però tenuta a conformarsi anche alle norme fondamentali e ai principi generali del Trattato FUE, ed in particolare ai principi di parità di trattamento e di non discriminazione in base alla nazionalità, nonché all'obbligo di trasparenza che ne deriva, a condizione che, alla data della sua attribuzione, tale appalto presenti un carattere transfrontaliero certo, circostanza questa che spetta al giudice del rinvio verificare”. Inoltre, ha precisato che “l'articolo 27, paragrafo 3, della direttiva 92/50 deve essere interpretato nel senso che esso non si applica agli appalti pubblici di servizi rientranti nell'allegato I B di tale direttiva”, tra i quali appunto rientrano gli appalti sanitari.

G.A.G.



NUMERO 20 - ALTRI ARTICOLI

Execution time: 9 ms - Your address is 54.82.79.137