Log in or Create account

FOCUS - Italia, Europa: i diritti fondamentali e la rotta dei migranti N. 2 - 25/03/2019

 Tutela avverso il provvedimento di espulsione fra giurisdizione ordinaria e giurisdizione amministrativa

La legittimazione alla permanenza sul territorio dello Stato italiano dello straniero che vi faccia ingresso e abbia interesse a rimanervi è vincolata all’ottenimento di un opportuno titolo di soggiorno e all’inesistenza di cause di revoca dello stesso o di irrogazione di un provvedimento amministrativo di allontanamento. Proprio con riferimento a quest’ultima categoria, l’atto amministrativo che incide più significativamente la sfera soggettiva dello straniero è l’espulsione. Si tratta di una misura che può essere disposta in una pluralità di fattispecie, anche diverse fra loro, e da una pluralità di autorità amministrative e non (v. ricostruzione infra §2). Nell’ottica di protezione dell’interesse del soggetto destinatario del provvedimento di cui sopra, questo lavoro ritiene doveroso interrogarsi sull’adeguatezza della tutela offerta in sede giurisdizionale avverso tali misure e, inoltre, sulla sussistenza di differenze di trattamento (e, a cascata, di garanzie riconosciute) allorché, dinanzi a fattispecie quantomeno analoghe, il vaglio di legittimità e appropriatezza della determinazione amministrativa differisca sulla sola base dell’autorità che disponga l’atto (§3). Nel tentativo di isolare un criterio che giustifichi, sotto un profilo concettuale e dogmatico, un moltiplicarsi delle sedi giurisdizionali nelle quali far valere l’illegittimità di un provvedimento a medesimi effetti (sfavorevoli per il privato) si intende chiarire se, da un punto di vista sistematico, i tradizionali principi che fondano il riparto di giurisdizione possano spiegare anche la scelta del legislatore nell’ambito in questione (§4). L’identità degli interessi in gioco e la loro rilevanza sotto il profilo costituzionale giustificano la proposta, avanzata in questa sede, di unificazione della giurisdizione in tema di impugnazione degli atti amministrativi di espulsione, consentendo altresì di ristabilire un crisma di sistematicità a un sistema che, rebus sic stantibus, non pare in grado di elaborare un criterio convincente per spiegare la divaricazione degli standard di tutela in una materia in cui sono in gioco diritti individuali meritevoli di efficace tutela (§5)… (segue)



Execution time: 16 ms - Your address is 184.73.14.222